Il rapporto rifiuti urbani 2018 di Ispra

I rifiuti urbani in Italia

Il 10 dicembre 2018 Ispra ha presentato l’annuale Rapporto rifiuti urbani 2018, con dati riferiti al 2017. Una estesa e completa banca dati su produzione di rifiuti, raccolta differenziata, avvio a riciclaggio, smaltimento in discarica, recupero dei rifiuti di imballaggio, trattamento della frazione organica in impianto di compostaggio per la produzione di ammendanti e di digestione anaerobica per la produzione di biometano, recupero di energia negli inceneritori, smaltimento in discarica. Analizzati anche alcuni dati sui costi sostenuti sia dagli enti locali che dai cittadini. Il documento, inoltre, è corredato da interessati schede dedicate alle gestioni nelle 20 regioni italiane, che analizzeremo in successivi articoli.

La produzione di rifiuti urbani

I rifiuti urbani, dopo l’aumento registrato nel 2016, tornano a diminuire. Nel 2017 sono state prodotte 29.588.000 tonnellate di rifiuti urbani, l’1,7% in meno rispetto al 2016, corrispondenti a circa 495 chilogrammi per ogni abitante. Ogni italiano, pertanto, nel 2017 ha prodotto circa 1,3 chilogrammi di rifiuti al giorno.

Produzione di rifiuti urbani in Italia negli ultimi 5 anni

La raccolta differenziata dei rifiuti urbani

La raccolta differenziata continua ad aumentare e nel 2017 più della metà dei rifiuti sono stati raccolti in modo differenziato per l’avvio al riciclaggio

Raccolta differenziata dei rifiuti urbani in Italia negli ultimi 5 anni

La gestione dei rifiuti urbani

Il 48% dei rifiuti urbani, quasi la metà, sono stati riciclati: da carta, vetro, plastica, metalli sono stati prodotti altra carta, altro vetro, altra plastica, altri metalli.

Il 19%, quasi un chilogrammo ogni 5, è stato recuperato energeticamente negli inceneritori: da questi rifiuti, pertanto, è stata prodotta energia elettrica ed energia termica in sostituzione dell’utilizzo di fonti fossili come il carbone ed il metano.

Purtroppo ancora il 24%, quasi un chilogrammo ogni 4, è stato smaltito in discarica, e pertanto è andato sprecato.

Con la dizione altro si intende l’insieme delle esportazioni estere, di trattamenti intermedi tra la raccolta ed una delle operazioni finali e le quantità messe in riserva.

Gestione dei rifiuti urbani in Italia nel 2017