I terremoti in Italia centrale nel maggio 2020

Settore monitorato

Il settore monitorato è visionabile a questo link

I terremoti considerati sono esclusivamente quelli ascrivibili alle sorgenti sismogenetiche riportate nel documento consultabile al link indicato, accertate o presunte

Numero di terremoti registrati

Nel maggio 2020 nel settore monitorato sono stati registrati 9 terremoti, quarto mese consecutivo con valore sotto la media del periodo (28 terremoti/mese).

Il maggior numero di terremoti è stato generato dalla sorgente Preappennino con 4 terremoti (44%), seguita da Isernia con 2 eventi.

27 strutture sismogenetiche (84%), sulle 32 totali monitorate non hanno generato terremoti, valore superiore alla media che è pari a 25 sorgenti inattive al mese. Quindi si è registrata una minore diffusione delle attività sismiche rispetto alla media, contrariamente a quanto rilevato in aprile.

Sono inoltre inattive dal gennaio 2019 le seguenti strutture: Fiumata, Lanciano, Prenestini, Roccamonfina, Sabina, Simbruini, Ripabottoni, Tocco da Casauria, Velletri.

Figura 1 – Numero terremoti mensili

Numero terremoti mensili Italia centrale maggio 2020

Magnitudo media mensile

La magnitudo media mensile è risultata pari a 1,53 valore sensibilmente superiore alla media (1,36) e in aumento per il quarto mese consecutivo dopo il minimo del febbraio 2020

La media mensile maggiore è stata registrata nel Bacino Aremogna – Cinque miglia (2,00) e quella minore nella struttura Valle latina 3 (1,20).

Figura 2 – Magnitudo media mensile

Magnitudo media mensile terremoti Italia centrale maggio 2020

Magnitudo massima mensile

La media delle magnitudo massime mensili è risultata pari a 1,64 valore sostanzialmente in media (1,61) dopo 4 mesi sotto media. La magnitudo maggiore, pari a 2,00, è stata registrata nella struttura Aremogna Cinque miglia.

Figura 3 – Magnitudo massima media mensile

Magnitudo massima mensile terremoti Italia centrale maggio 2020

Magnitudo minima mensile

La media delle magnitudo minime mensili è stata pari a 1,42 valore sensibilmente superiore alla media (1,19) ed in aumento per il quarto mese consecutivo. La magnitudo minima, pari a 0,80 è stata registrata nelle struttura Preappennino laziale – abruzzese.

Figura 4 – Magnitudo minima media mensile

Magnitudo minima mensile terremoti Italia centrale maggio 2020

 

(fonte: Centro nazionale terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia; Database of individual seismogenic sources dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia)