I terremoti tra Sora ed Atina

Introduzione

Analizziamo l’attività sismica del preappennino laziale – abruzzese tra Sora ed Atina dal 1° gennaio 2006. La fonte dei dati è l’Istituto nazionale di geofisica. Questo territorio è stato interessato da 7 importanti terremoti:

Si noti nella figura il grandissimo numero di terremoti minori dal 2006 ad oggi (gocce blu).

Figura 1 – Epicentri terremoti master (in rosso) e terremoti minori (in blu)

Mappa epicentri terremoti area Sora, Atina, Alvito, Picinisco, Campoli Appennino, Settefrati

Numero di terremoti mensili

L’attività sismica è in continua diminuzione dal 2010.

Figura 2 – Media cumulata terremoti mensili

Terremoti area Sora, Atina, Picinisco, Settefrati, Alvito

Magnitudo media mensile

La magnitudo media mensile dei terremoti è stazionaria dal 2012

Figura 3 – Media cumulata magnitudo media mensile

Magnitudo media terremoti area Sora, Atina, Picinisco, Alvito, Settefrati, Campoli Appennino

Magnitudo massima mensile

La magnitudo massima mensile dei terremoti è in diminuzione dal 2013

Figura 4 – Media cumulata magnitudo massima mensile

Magnitudo massima terremoti area Sora, Atina, Picinisco, Alvito, Settefrati, Campoli Appennino

Magnitudo minima mensile

La magnitudo minima mensile dei terremoti è stazionaria dal 2014.

Figura 5 – Media cumulata magnitudo minima mensile

Magnitudo minima terremoti area Sora, Atina, Picinisco, Alvito, Settefrati, Campoli Appennino

Profondità ipocentri

Un terremoto ogni 3 ha ipocentro tra 10 ed 11 km di profondità, valore tipico dell’Appennino centrale

Figura 6 – Distribuzione profondità ipocentri

Profondità ipocentri terremoti area Sora, Atina, Picinisco, Alvito, Settefrati, Campoli Appennino