I terremoti tra Morolo e Ceprano

Terremoti distruttivi e terremoti minori

Analizziamo l’attività sismica del territorio della Valle latina (FR, Lazio – Italia centrale) dal 1° gennaio 2006 ad oggi denominata Valle latina 2 compresa tra i comuni di Morolo a nord-ovest e Ceprano a sud-est e centrata sui comuni di Frosinone e Ceccano, sede di terremoti master. La fonte dei dati è l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il territorio considerato per il monitoraggio è l’area interessata dai seguenti 2 terremoti:

  • Frosinone, 16 gennaio 1161: magnitudo 5,10
  • Ceccano, 9 maggio 1170: magnitudo 5,60

Figura 1 – Epicentri terremoti master (in rosso) e terremoti minori (in blu)

Mappa epicentri terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano

Numero di terremoti mensili

L’attività sismica mostra un andamento irregolare, ma con generale tendenza all’aumento

Figura 2 – Media cumulata terremoti mensili

Terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano

Magnitudo media dei terremoti

La magnitudo media mensile dei terremoti mostra un andamento irregolare, ma con tendenza alla stabilità dal 2015

Figura 3 – Media cumulata magnitudo media mensile

Magnitudo media terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano

Magnitudo massima dei terremoti

La magnitudo massima mensile dei terremoti mostra un andamento irregolare, ma con tendenza alla stabilità dal 2015

Figura 4 – Media cumulata magnitudo massima mensile

Magnitudo massima terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano

Magnitudo minima dei terremoti

La magnitudo minima mensile dei terremoti mostra un andamento irregolare, ma con tendenza alla stabilità dal 2015

Figura 5 – Media cumulata magnitudo minima mensile

Magnitudo minima terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano

Profondità ipocentri dei terremoti

Si registra una distribuzione uniforme degli ipocentri dei terremoti a tutti i livelli di profondità

Figura 6 – Distribuzione profondità ipocentri

Profondità ipocentri terremoti area Frosinone, Ceccano, Morolo, Ceprano